invia/condividi stampa feed rss

Ciclo di proiezioni cinematografiche "DIVERSI DA CHI?"

Ciclo di proiezioni cinematografiche "DIVERSI DA CHI?"
dal 02/03/2012 al 30/03/2012

2 marzo: "Che bella giornata"

9 marzo: "Precious"

16 marzo: "I ragazzi stanno bene"

23 marzo: "Mare dentro"

30 marzo: "La pecora nera"

 

--> scarica pieghevole

--> scarica locandina

 

Inizio proiezione ore 20.45 in Sala Consiliare del Comune di Villa d'Almè

 

Prezzi:

- film singolo --> 4 euro

- abbonamento 5 film --> 10 euro

 

E' possibile acquistare l'abbonamento in anticipo scrivendo a info@noidivilla.it

Durante la rassegna saranno pubblicate sul sito www.noidivilla.it le schede di approfondimento di ogni film.

 

Ha senso parlare di diversità? Sì e no: bisogna intendersi.

Da una parte c’è una diversità che si potrebbe definire devalutativa e denaturante: la disabilità fisica, il

deficit mentale, il colore della pelle, l’omosessualità sarebbero da classificarsi come fuori dall’ordinario,

strani o addirittura perversi. In nome di un concetto tanto vago quanto bistrattato come quello di normalità,

il diverso è allora colui che esce dagli schemi e minaccia i valori, invece di essere risorsa, opportunità

di confronto e crescita. Solo se la paura lascia spazio al dialogo nasce il rispetto reciproco e i cliché

sociali possono essere messi in dubbio in nome di una costruttiva “uguaglianza nella diversità”; ma

c’è un rischio: quello di dare a tutto lo stesso sapore.

Infatti, se c’è un omologazione che porta a distinguere normalità e diversità, c’è anche un ossessione,

altrettanto pericolosa, di uniformare tutto e tutti.

E’ proprio qui, che la diversità diventa un prezioso antidoto: non più giudizio d’esclusione, ma

unica e preziosa interiorità del singolo, un io che rapportandosi al tu si arricchisce nel noi.

La questione è quindi definire i termini dell’argomento, per capire quando l’essere considerati diversi

costituisce un’offesa alla propria dignità e quando invece rappresenta un’importante opportunità

da preservare e coltivare. In questo delicato percorso di riflessione personale

e collettiva, ci faremo guidare da cinque film che riescono, ognuno in maniera efficace e diversa, a

testimoniare l’inutilità dei pregiudizi e ad esaltare la necessità di un approccio critico alla diversità e all’identità.